La prima impressione che si prova quando si parla con lo Chef Stella Ricci è quella di autentica dedizione e amore per il proprio lavoro: chi ha la possibilità di ammirare le sue creazioni può prendere parte ad una vera e propria celebrazione del dolce come protagonista indiscusso del palato dove l’esperienza del gusto si sposa armonicamente a quella della vista e il concetto dello spazio e del tempo si annullano, aprendo le porte ad un mondo fantastico.

Ciò che Stella Ricci trasmette ai suoi clienti è dunque pura e innata passione per un  mestiere. Dopo un periodo di formazione di tutt’altro genere decide di addentrarsi in un ambito per lei inesplorato ma ricco  di fascino: quello della pasticceria. Infatti conseguito il diploma di ragioneria si iscrive alla Facoltà di Economia e Commercio e inizia a lavorare nell’ambito amministrativo. A questo punto però Stella si rende conto che il suo futuro non è fatto di numeri ma di creatività ed estro; la Chef apre con il marito Cesare una piccola pasticceria a Montesarchio, in provincia di Benevento, e così inizia una bella avventura fatta di studi accurati, ricerche, sperimentazioni , assieme a cui non tarda ad arrivare il  grande successo.

Grinta, passione e amore

Sempre con il marito nel 2000 decide di dar vita ad un progetto ambizioso: la rivisitazione di dolci tradizionali in chiave moderna. Questo approccio è stato positivamente accolto dai clienti, grazie a cui queste piccole opere d’arte sono state portate verso una crescente popolarità.

Dolci tradizionali in chiave moderna

Allieva dei corsi di Frederic Bourse, nel 2003 partecipa al “Premio Strega”, poi come ospite a Pompei per “Le Chiocciole della Campania” , manifestazione organizzata da Slow Food. Le soddisfazioni per la nostra chef non terminano qui: dopo poco ottiene la nomina di docente esterno presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo ospitando nel suo laboratorio studenti provenienti da ogni parte del mondo.

Ma il desiderio di novità e di mettersi continuamente alla prova spinge  Stella a dedicarsi ad un nuovo ambito del  suo settore: la lavorazione del cioccolato. Si ispira a diversi maestri e ne segue molteplici corsi: Frederic Bourse, Eliseo Tonti e Antonio Le Rose. Degna di nota la sua opera presentata nel 2009 presso lo Showcolate di Napoli, dove ha realizzato un abito da sposa in cioccolato plastico; si tratta di una raffinata creazione leggera e evanescente. La lavorazione e la ricercatezza dei dettagli che lo caratterizzano mostrano quello che è il suo marchio principale: l’altissimo livello della lavorazione delle materie prime che prendono forma dando vita, come per incanto a meravigliose sculture da gustare.

Tra gli eventi ai quali ha preso parte Stella Ricci ricordiamo l’importante Festavico 2012, un evento importante tra gli addetti ai lavori. Qui lo chef Gennaro Esposito, uno dei più riconosciuti nel settore,  le ha chiesto di ospitarla assieme a nomi di indiscussa fama: nell’ambito di tale evento fiore all’occhiello è stata l’ultima invenzione della chef, “Scogliera allo Strega”.

Sua maestà…la torta nuziale

Insomma, una carriera sempre in ascesa, grazie al continuo desiderio di migliorarsi accanto alla vivace  inventiva che rende ogni prodotto originale ed inimitabile, come le particolarissime torte “griffate”: borse, scarpe quant’altro per le patite dello shopping;  oppure le coloratissime torte per i più piccoli, impreziosite dai tratti fiabeschi e, non ultima per importanza, sua maestà, la torta nuziale, dalla più semplice alla più estrosa: tutte con un denominatore comune, la spiccata eleganza, che le rende indiscusse protagoniste.

Gusto ed eleganza

Ogni creazione è definita nei minimi dettagli e impreziosita personalmente dalla Chef.

Una passione dunque al servizio del cliente: ciò che muove la chef nella realizzazione delle creazioni è il desiderio di stupire, di scaturire meraviglia rendendo un momento davvero indimenticabile.

Un tocco di classe

La chef coinvolge costantemente clienti e appassionati del settore rendendoli partecipi delle sue ultime creazioni. Non vi preoccupate se non riuscirete a resistere a queste dolcissime tentazioni, tanto, come direbbe Mea West (nel 1936 in Annie del Klondike):  A che serve resistere a una tentazione? Tanto, ce n’è subito un’altra!

Alcune delle foto che vedete qui, le abbiamo scattate noi presso la pasticceria di Stella la scorsa settimana. Stella ci ha dato alcuni dei suoi fantastici croissant da provare; sono davvero deliziosi! Verrà presto a trovarci per insegnarci a farli come lei. Diventeranno la vostra colazione quotidiana a Il Pikkio Coffee & Ice Breaker.

Enjoy