Uno tira l’altro…i fichi, con quel sapore dolciastro piacciono quasi a tutti. Questo frutto possiede diverse proprietà nutrizionali: potassio, ferro e calcio e vitamine A, B1, B2,PP e C, inoltre gli enzimi contenuti al loro interno facilitano la digestione.  Ne esistono di diverse varietà. Quelli verdi hanno una buccia molto sottile, quelli viola, sono più succosi, mentre quelli neri risultano più asciutti.

Sono perfetti per chi non vuole o non può eccedere nel consumo di calorie, pensate che per 100 grammi l’apporto calorico e sulle 50 calorie. Il lattice del fico riesce a contrastare il dolore provocato dalla puntura d’insetto, basta applicarne un po’ sull’area interessata Tale lattice andrebbe bene anche per eliminare le verruche, tuttavia si è visto che dovrebbe essere comunque usato con cura per evitare irritazioni per la pelle. La sua origine risiede in Asia e preferisce terreni argillosi e sabbiosi.

La confettura di fichi

Possiamo approfittare proprio di questo periodo dell’anno per fare un bella scorpacciata e, perché no, fare una bella confettura per assaporarli tutto l’anno.

Per i più golosi sono ottimi i fichi secchi, la cui preparazione è molto laboriosa e delicata Una volta raccolti bisogna farli asciugare bene per evitare che si ammuffiscano, avendo cura di girarli di tanto in tanto. In genere l’essiccatura viene effettuata al sole e richiede diversi giorni. All’interno dei fichi secchi è possibile inserire una mandorla e potrete utilizzarli come dessert  durante le fredde sere d’inverno accompagnandoli ad un buon vino.  Questa ricetta viene realizzata in molti paesi del sud Italia dove una volta essiccati al sole vengono ripassati nel forno a legna.

Fichi secchi

La marmellata di fichi può essere preparata o utilizzando solo questi oppure in combinazione con altri elementi, quali le noci o le pere, a cui si legano in maniera sublime…provare per credere! In ricette salate o dolci, i fichi riescono a portare sulla nostra tavola un particolare contributo, ma per fare questo non è necessario creare ricette di alta cucina, un esempio?

Pizza e fichi

La pizza con i fichi, tipica della cucina romanesca, un piatto contadino. Ancora oggi è rimasto il detto “..mica pizza e fichi” per dire che una determinata cosa non vale poco, proprio perché questa ricetta richiede materie semplici a cui le persone meno abbienti avevano più accesso. Oggi potremmo arricchirla con prosciutto crudo all’interno della pizza bianca (calda calda) tagliata a metà, oppure inserire i fichi nell’impasto con delle noci.

I fichi come antipasto

Oltre a sfiziosi antipasti dove possiamo utilizzarli per piccole pizzette con vari salumi, possiamo creare dei particolari primi, sempre sfruttando l’abbinamento con insaccati quali ad esempio la pancetta. I salumi infatti smorzano il sapore delicato del fico con il loro, più deciso.  Noi consigliamo le farfalle fichi e speck, davvero sublimi, a cui potreste associare una puntina di panna da cucina, facendo preliminarmente fatto soffriggere gli ingredienti con un po’ di cipolla.

Pasta con i fichi

Pasta con i fichi

Per un secondo da far rimanere a bocca aperta i vostri commensali vi proponiamo l’arista di maiale con fichi, uvetta e pinoli, oppure  pollo con fichi, funghi e pancetta.

Come dessert andrebbe benissimo una ciambella o crostata con fichi, oppure per le più audaci, si potrebbero acquistare dei fichi secchi e intingerli nel cioccolato..una prelibatezza che vi farà amare ancora di più questo frutto.

Crostata di fichi

I maggiori coltivatori sono oggi paesi come Turchia, Spagna e Stati Uniti: se durante l’anno vi venisse voglia di un fico fuori  potrete sempre optare per qualche proposta della grande distribuzione e magari arricchire la vostra ricetta con prodotti freschi, combinando piatti che racchiudono le 4 stagioni dell’anno