Continuano  le novità in tema di birre artigianali: il Pikkio è ben lieto di farsi portavoce di un altro evento su questo tema.  L’Associazione  Movimento Birra dei Castelli Romani darà il via ad una iniziativa volta a promuovere la cultura brassicola e favorire l’incontro tra produttori di birra e titolari di esercizi commerciali, consumatori e appassionati.

Il presidente dell’Associazione, Paolo Mazzola, conferma che verranno organizzati dei veri e propri corsi, master  e sperimentazioni dove saranno coinvolti anche istituti universitari e Agenzie Regionali.  Nello specifico dal 23 marzo partirà una serie di iniziative dove i mastri birrai incontreranno i produttori del mercato contadino dei castelli romani: ogni mese verranno svolti tour di degustazioni  dove i produttori  del Mercato Contadino dei Castelli Romani affascineranno gli ospiti con le appassionanti storie del loro meticoloso lavoro. In questi contesti le birre saranno proposte in affiancamento a particolari prodotti gastronomici.

Protagoniste le birre artigianali ai Castelli Romani

Si tratta dunque di un percorso che ben si allinea con quelle che sono le esigenze di un sempre più vasto pubblico attento alla qualità dei prodotti, con un occhio attento alla valorizzazione del proprio territorio. Il territorio laziale si sta infatti distinguendo nel panorama nazionale per la produzione di birre…ed in questi giorni i castelli romani, luoghi per antonomasia collegati al vino, diventeranno la culla di un’altra bevanda che da sempre spopola sulle nostre tavole.  E’ stato confermata anche a livelli istituzionali la rilevanza  per l’economia laziale rivestita dalla coltivazione delle materie prime per la produzione di birra: è stato infatti emanato un  decreto ad hoc che inserisce proprio la produzione di birra e malto nell’ambito delle attività agricole. Perché questo sia possibile è fondamentale rispettare precisi standard legati ai metodi di produzione. Ilegame quindi tra birra e produzione agricola mai come in questo caso si delinea stretto.

I primi micro birrifici laziali nascono verso la fine degli anni Novanta ma solo negli ultimi anni questo settore sta prendendo sempre più piede proprio grazie alla diffusione di una vera e propria cultura della birra. I consumatori ne sono sempre più affascinati a seguito anche di un consistente coinvolgimento da parte dei birrifici all’interno dei processi produttivi.   A livello nazionale stiamo riscontrando una tendenza favorevole nelle esportazioni di birra: ma sono i piccoli accorgimenti e soprattutto passione e pazienza che conducono ad un risultato di qualità, e saranno proprio i segreti del mestiere e le tecniche specifiche che verranno condivisi nell’ambito degli appuntamenti proposti, un vera e propria full immersion nella birra!

Il birrificio Karma

Il 23 marzo ad Albano Laziale sarà la volta del birrificio “KARMA” e dell’azienda agricola LA MARCIGLIANA: nel primo caso di un birrificio campano, di Alvignano in provincia di Caserta, con produzione limitata che è riuscito a guadagnare largo consenso nel nostro Paese per la sua particolare combinazione di aromi e colori.

Paolo Mazzola e Marcello Pau guideranno la degustazione oltre a fornire suggerimenti teorici sui prodotti presentati. In particolare gli ospiti avranno l’opportunità di degustare birre come la Marylin Golden Ale, Cubulteria Belgian Ale, Carminia APA e De Rinaldi Dark Strong Belgian IPA assieme ai gustosi latticini del caseificio come mozzarella vaccina, provola stagionata e caciotte.

Il Birrificio Baladin

Gli appuntamenti successivi si delineano altrettanto ricchi e stimolanti: gli ospiti del mese prossimo saranno il birrificio Castelli Romani e l’azienda agricola Il Vecchio Ovile, a maggio invece sarà la volta del birrificio Turan e l’azienda La Porchetta del Ponte infine a giugno verrà ospitato il birrificio Baladin.

Auguriamo agli organizzatori un grande successo: il focus posto dall’iniziativa sull’incrocio tra i produttori agricoli e birrifici nonché con consumatori e titolari di pub potrà solo apportare un valore aggiunto non solo alle conoscenze di tutti gli appassionati ma anche in funzione di un crescita economica regionale e nazionale